3 febbraio 1957: il Carosello debutta in TV

carosello

Vi ricordate il Carosello, quel contenitore pubblicitario che non annoiava e faceva divertire grandi e piccoli? In tutte le famiglie c’era la buona regola “a letto dopo Carosello”, la trasmissione sul primo canale RAI che entrò a tutti gli effetti nella quotidianità degli italiani.
Era domenica 3 febbraio 1957.
Era un momento di spettacolo, scenette con grandi personaggi come Totò, Macario, Vittorio Gassman, Mina, Nino Manfredi…
Calimero; Pippo, l’ippopotamo blu dei pannolini; l’omino coi baffi della Bialetti. Gli slogan: “Cimabue, fai una cosa ne sbagli due”, “Miguel son mi”, “Camillo il coccodrillo”, “Susanna tutta panna”. Poi si giocava con le parole: Jo Condor, il rapace vestito da militare che veniva punito dal Gigante amico, lamentava: “E che c’ho scritto Giocondo?”.
Carosello andò in pensione il 1° gennaio 1977, con il saluto di addio affidato a Raffaella Carrà.


Condividi con: