Addio a Piero Sugar, protagonista della discografia

Piero Sugar

E’ mancato all’età di 84 anni Piero Sugar, marito di Caterina Caselli, editore tra i più importanti della discografia italiana.
Una grande famiglia-impresa la sua, tra le poche rimaste in Europa, che ha saputo crescere investendo capitale, tecnologia e competenze nel mondo della musica.
E proprio la passione per la musica l’aveva ereditata da papà Ladislao, fondatore delle Messaggerie Musicali, che arrivò a gestire la CGD dopo averne acquisito una partecipazione al 50% da Teddy Reno e poi il controllo totale, nel 1959: nacque così la CGD-Sugar.
Già i successi negli anni ’60, quelli di Gigliola Cinquetti, vincitrice a Sanremo con “Non ho l’età” (1964), l’incontro con Caterina Caselli, notata dal padre di Piero al Piper di Roma che poi le fa incidere “Nessuno mi può giudicare”.
La Caselli che alla fine degli anni ’80 fonda la Insieme-Sugar e in seguito Sugar. Tra gli artisti della scuderia, Gerardina Trovato, Elisa, Andrea Bocelli, Malika Ayane, Negramaro, Raphael Gualazzi, Madame, Motta, Sangiovanni.
Attualmente, a capo della società c’è Filippo, figlio della coppia, che ha seguito le orme della famiglia ed è stato anche presidente della Siae dal 2015 al 2018.