Coronavirus, cosa faremo quando sarà finito? Caffè e abbracci

caffè

La speranza di uscire al più presto dall’incubo, il conto alla rovescia, “La prima cosa che faremo quando tutto sarà finito?”: una domanda semplice ma anche un messaggio di speranza, pensando positivo.
Abbracciare i genitori, un amico, il fidanzato lontano, un gelato al parco, un caffè al bar, un concerto, prenotare un viaggio, c’è voglia di libertà e normalità, quella normalità che spesso abbiamo sottovalutato, cose “banali” di cui abbiamo voglia e che ora apprezzeremmo.
La libertà di cui normalmente abbiamo tutti goduto è in realtà un grande privilegio.
La domanda lanciata da Collisioni Festival rimbalza in poco tempo su tanti profili social, pagine pubbliche e private. Uno scambio di parole, quasi una chiacchierata a distanza per sentirsi più vicini e immaginare già quando tutto sarà finito, quel bisogno di abbracciare e poi festeggiare la fine delle difficoltà.


Condividi con: